Biologico ed ecologico Cosmesi e inquinamento Cura del corpo Igiene quotidiana Piante officinali Protezione

DEODORANTI

Siamo alle soglie dell’estate, arriva il caldo, di conseguenza tendiamo a sudare di più e arriva anche “l’OBBLIGO ” di deodorarsi.

Un obbligo contemporaneo spinto anche dalla pubblicità martellante che vuole tutti asettici e profumati, annullando qualsiasi tipo di emanazione del corpo, dal sudore al sebo, ai ferormoni (o feromoni) (dal greco pherein: portare a hormon: eccitare), messaggeri emozionali, secreti dalle ghiandole apocrine della pelle.

Questa mania di DEODORARSI cominciò agli albori del Novecento come retaggio della civiltà industriale e dei consumi. Le persone lavoravano gomito a gomito negli uffici, nelle fabbriche, e i mezzi di trasporto che vi arrivavano erano stracolmi di individui, che volenti o nolenti, si annusavano. Da questa nuova situazione, nacquero le prime preparazioni astringenti e profumate, per rendere meno aggressive le umane secrezioni.

Ma gli odori di queste secrezioni rappresentano , nel mondo animale tutto, una forma di linguaggio  che nell’uomo è complementare alla parola, ai gesti e alla mimica.

SEGNI E SIGNIFICATI

Ogni parte del corpo umano ha un odore differente, ma tra tutti quello delle ascelle, chiamato dalla letteratura americana B.O. (body odour) , è di gran lunga il più pungente e particolare. Le ghiandole apocrine che producono il B.O. hanno in natura, preminentemente funzioni “sociali”, in conseguenza di un complesso sistema di sostanze chimiche che inducono a specifici tipi di comportamento (i già citati feromoni).

Negli animali, e in misura ridotta nell’uomo, l’odore dei feromoni, è quindi usato per delimitare il territorio, esprimere possesso, produrre eccitamento sessuale, respingere i nemici, e per identificare diversi individui.

L’attività riproduttiva di molte specie è quindi influenzata dai feromoni. Si ritiene che i peli ascellari, siano stati mantenuti nel corso dei processi evolutivi, al fine di diffondere nell’ambiente composti ad attività feromonica.  Sebbene questi odori, assumono in alcune civiltà un significato positivo, (odore intenso, come sinonimo di maggiore attrazione e potere sessuale) nelle moderne civiltà occidentali, l’odore ascellare è universalmente riconosciuto come repulsivo, degradante e da combattere comunque con ogni mezzo.

L’industria cosmetica si è adeguata negli ultimi decenni a queste esigenze “antiolfattive” e il mercato dei deodoranti è diventato un grosso affare commerciale.

Bibliografia ,

“COSMETOLOGIA” IL COSMETICO DEL TERZO MILLENNIO Ottava Edizione (aggiornata al 2008 Les Nouvelles Esthétiques- Ala Editrice Umberto Borellini.

I NOSTRI CONSIGLI;

MIDAS ECO BIO COSMESI  ha formulato un deodorante completamente vegetale, con principi attivi da agricoltura biologica, che non occlude le ghiandole apocrine, quindi lasciamo “respirare la pelle” ma lavoriamo per togliere il cattivo odore che si forma dalla “miscela microbica” della sudorazione ascellare.

Il Deodorante  Spray, grazie ai suoi numerosi principi funzionali, tra cui l’estratto di ALOE VERA, l’Estratto di CAMOMILLA, e la vitamina B5, svolge un’azione purificante e rinfrescante.

 

Siamo anche su
La nostra Pagina FACEBOOK
Visitaci su Twitter
YouTube
Siamo anche su Instagram

Related posts

Leave a Comment