Pubblicato il

Perché scegliere il biologico

La ricerca di uno stile di vita maggiormente in armonia con la natura e l’ambiente, che va dal nutrirsi di alimenti privi di pesticidi fino alla scelta dell’auto da guidare, non può certo dimenticare la cura per la propria persona.
La cosmesi biologica nasce per soddisfare questa esigenza.
Cosa significa “biologico”?
Il biologico è un sistema di coltivazione che esclude l’uso di sostanze chimiche, rispetta i cicli naturali del terreno e permette di catturare più CO2 rispetto alle coltivazioni convenzionali. Scegliendo un cosmetico con ingredienti biologici, quindi, si contribuisce alla protezione del pianeta.
Bio vs convenzionale
Rispetto a quelli tradizionali, i cosmetici biologici devono essere sottoposti a controlli sulla tollerabilità cutanea e sull’efficacia del sistema conservante.
I test animali sul prodotto finito sono oggi vietati sia per i cosmetici bio sia per quelli classici, anche grazie all’impegno negli anni delle associazioni animaliste.
Inoltre, nei prodotti biologici, non sono ammesse alcune classi di sostanze, come i derivati del petrolio o i siliconi, e ciò impone un nuovo approccio circa la formulazione, che può dare origine a preparati con risultati equivalenti o a volte superiori rispetto ai prodotti classici.
Conservabilità
Classici o biologici, i cosmetici, per legge e per buon senso, devono contenere conservanti.
Nella formulazione dei cosmetici bio non possono essere utilizzati quelli sensibilizzanti, i disturbatori endocrini o i liberatori di sostanze sospettate di essere cancerogene.
Nonostante in etichetta si possa trovare la dicitura «non contiene conservanti», in realtà tali prodotti si avvalgono di sistemi innovativi o «non canonici», oppure si autoconservano grazie alla presenza di particolari componenti, in tutta sicurezza.
«Naturale» non significa bio
Bisogna prestare attenzione alla differenza tra “naturale” e “biologico”: in commercio si trovano molti prodotti che si fregiano dell’aggettivo “naturale” solo perché contengono una piccolissima parte di composti vegetali; si tratta quindi di una dicitura fuorviante per il consumatore, consentita dal fatto che il settore non è presidiato a livello normativo in maniera chiara.
PERCHE’ SCEGLIERE I PRODOTTI MIDAS ECO BIO COSMESI:
  • utilizzo di materie prime da agricoltura biologica o da raccolta spontanea;
  • assenza di materiali discutibili dal punto di vista ecologico, sia nel prodotto stesso che nell’imballaggio;
  • assenza di materie prime non vegetali considerate “a rischio”, ovvero allergizzanti, irritanti o con evidenze di probabili danni per la salute dell’uomo;
  • riduzione dell’impatto ambientale dovuto agli imballaggi superflui (confezioni singole) o non riciclabili (si promuovono imballaggi da materie prime rinnovabili, materiali riciclabili o collegati ad un sistema di restituzione dei vuoti);
  • salvaguardia degli animali non effettuando test sugli stessi.
I criteri che ci hanno guidato nella scelta delle materie prime ammesse sono stati:
  • scarsa tossicità ed assenza di effetti indesiderati sull’uomo;
  • basso impatto ambientale;
  • dermocompatibilità.
Fai la scelta migliore per te, per l’ambiente e per gli animali… Scegli Midas!
Pubblicato il

Cosmesi e inquinamento

Sapete che utilizzare prodotti contenenti elementi chimici o non naturali non danneggia soltanto il nostro corpo, ma contribuisce inoltre all’inquinamento del nostro pianeta?

Le sostanze contenute in prodotti cosmetici come bagnodoccia, shampoo e creme, una volta che questi vengono utilizzati, vanno ad inquinare sia l’aria che le falde acquifere. 

A causa dei comportamenti umani sono in atto numerosi cambiamenti globali.

 Si può definire l’inquinamento atmosferico come la presenza nell’atmosfera terrestre di tutti gli agenti fisici, chimici e biologici modificanti le caratteristiche naturali atmosferiche, potendo causare un effetto dannoso su esseri viventi e ambiente. Questi agenti di solito non sono presenti nella normale composizione dell’aria, oppure lo sono ad un livello di concentrazione inferiore.

L’inquinamento idrico consiste nella contaminazione dell’acqua, dei fiumi, dei laghi e dei mari derivante da liquami o rifiuti domestici, urbani, chimico industriali o nucleari scaricati nell’ambiente.

Molti legami sono stati dimostrati, con dirette correlazioni, tra inquinamento e malattie.”

Tutto ciò di dannoso che utilizziamo quotidianamente va ad inquinare l’aria che respiriamo e l’acqua che abbiamo in casa.

È un dato di fatto che l’inquinamento è una tra le maggiori cause di patologie che colpiscono l’apparato polmonare, quello cardiocircolatorio ed il sistema immunitario, arrivando addirittura a causare disturbi psicosomatici e forme maniacali.

Per non parlare dello smaltimento… Generalmente questi prodotti sono contenuti in confezioni di plastica non riciclabile.

Sapete quanto ci vuole per smaltire una confezione di plastica? Dai 100 ai 1000 anni! 

Volete davvero che i vostri figli e i vostri nipoti si trovino a vivere in un mondo così inquinato?

Midas Eco Bio Cosmesi utilizza soltanto ingredienti di origine vegetale e provenienti da agricoltura biologica, che come tali non vanno ad inquinare l’ambiente che ci circonda, contribuendo alla salute dell’intero ecosistema; inoltre utilizza esclusivamente confezioni in plastica riciclabile.

Fai la scelta giusta per te e per i tuoi cari: scegli Midas!

Pubblicato il

Le abitudini di igiene quotidiana

Avete mai pensato a quanti prodotti utilizziamo ogni giorno per la cura del nostro corpo?
Dalla mattina appena alzati, alla sera prima di andare a dormire, utilizziamo in media dai venti ai trenta prodotti.
Vi sembrano tanti? Pensate di utilizzarne meno?
Allora ripercorriamo insieme la nostra routine…
Appena svegli ci laviamo e utilizziamo:
1. detergente mani;
2 – 3 – 4. bagnodoccia, shampoo e balsamo (in caso di doccia al mattino);
5. detergente intimo.
Allo stesso tempo idratiamo il nostro viso e il nostro corpo:
6. tonico rinfrescante;
7. crema viso;
8. crema corpo.
Ci prepariamo dunque per uscire, utilizzando:
9. deodorante;
10. dentifricio;
11. crema mani;
12. bb cream/trucchi;
13. profumo/fragranza profumata per il corpo.
La sera, dopo una giornata frenetica tra lavoro, figli, casa e impegni vari, per prima cosa ci strucchiamo, applicando:
14. latte detergente;
15. tonico rinfrescante.
Ci facciamo in seguito un bagno caldo o una doccia:
16 – 17 – 18. bagnodoccia, shampoo e balsamo;
19. detergente intimo;
20. scrub corpo;
21. lozione capelli.
Terminato il bagno, idratiamo la nostra pelle:
22. tonico rinfrescante;
23. crema viso;
24. crema contorno occhi;
25. crema corpo;
26. crema rassodante;
27. crema piedi;
28. crema spray gambe pesanti;
29. deodorante.
Prima di dormire utilizziamo:
30. dentifricio;
31. detergente mani;
32. crema mani.
Forse non tutti utilizziamo quotidianamente tutti i cosmetici sopra elencati, come ad esempio lo scrub corpo (utilizzato in media una volta a settimana), ma, se ci pensate bene, la maggior parte dei prodotti viene applicata sulla nostra cute ed è quindi importantissimo che essa venga rispettata: la pelle assorbe infatti tutti i componenti dei cosmetici che utilizziamo, e risulta perciò fondamentale che questi siano privi di elementi dannosi come paraffina, parabeni, siliconi e derivati del petrolio, ovvero sostanze che creano sull’epidermide una pellicola che all’inizio la fa apparire liscia, morbida e tirata, ma che in poco tempo la rende secca, squamosa e piena di punti neri, in quanto non la lascia respirare e impedisce di conseguenza ai principi attivi di penetrarvi.
Per proteggere la nostra cute e averne cura nel migliore dei modi, è quindi importante scegliere prodotti vegetali, possibilmente da agricoltura biologica, contenenti principi attivi naturali e conservanti vegetali.
Per poter fare degli acquisti consapevoli è fondamentale imparare a leggere l’INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients), ovvero l’etichetta degli ingredienti: nell’INCI vengono infatti elencati tutti i componenti del prodotto in ordine di quantità. Leggendo l’INCI possiamo quindi escludere tutti quei cosmetici che contengono elementi dannosi.
Midas Eco Bio Cosmesi offre prodotti vegetali da agricoltura biologica, che rispettano l’uomo, la natura e l’ambiente, a un ottimo rapporto qualità/prezzo: è infatti sufficiente utilizzare una piccolissima quantità di ogni prodotto per avere risultati immediati.
Ad esempio, se andiamo al supermercato e acquistiamo una crema mani da 3,00 euro, questa molto probabilmente conterrà paraffina: appena applicata, la pelle delle nostre mani sembrerà morbida e setosa, ma non appena sarà svanito “l’effetto pellicola”, la pelle tornerà ad essere secca e ruvida e dovremmo applicare nuovamente il prodotto, senza tuttavia risolvere il problema; in questo modo una normale crema da 50 ml durerà solamente un paio di settimane.
La crema mani Midas invece non unge e idrata realmente la cute, poiché contiene esclusivamente principi attivi naturali; essendo inoltre sufficiente una piccola quantità di prodotto per risolvere il problema della secchezza cutanea, una crema da 50 ml durerà anche mesi!
A conti fatti, quindi, oltre ad avere un prodotto di maggiore qualità (che è ciò che realmente ci interessa), avremmo anche un notevole risparmio sul prezzo.
Scegliere cosmetici formulati con ingredienti di qualità è quindi importante innanzitutto per la salute del nostro corpo, e alla lunga anche per il nostro portafogli!
Pubblicato il

Crema spray antizanzare bio: la naturale protezione

Cos’è la puntura di zanzara?

La puntura di zanzara è una piccola lesione cutanea che si presenta più o meno arrossata, dovuta al fatto che, quando una zanzara ci punge, inietta nel nostro organismo un anticoagulante per mantenere il sangue liquido e non ostruire la sua proboscide; ciò determina una risposta da parte del nostro organismo che produce istamina, la quale scatena il rossore, la sensazione di prurito e il fastidio alla cute.

Alcune zanzare hanno abitudini notturne, mentre altre, come la zanzara tigre, crepuscolari e diurne.

Perché le zanzare pungono?

Contrariamente ad altri insetti che pungono per difendersi, la zanzara femmina succhia il sangue umano per nutrirsi e per permettere la maturazione delle uova.

Non tutti gli individui però vengono punti con la stessa frequenza: alcuni ricercatori olandesi hanno infatti dimostrato che le zanzare vengono attratte da alcuni batteri cutanei e dagli odori da loro emessi. Dal momento che i batteri variano da una pelle all’altra, ciò spiega perché alcuni individui vengano morsi con maggior frequenza rispetto ad altri.

Le zanzare mostrano inoltre una preferenza verso alcuni odori sintetici: l’uso di profumi durante la stagione estiva può dunque aumentare il rischio di essere punti.

In ultima istanza, anche l’umidità elevata favorisce la presenza delle zanzare.

Come prevenire e trattare le punture di zanzara

La crema spray antizanzare bio di Midas è un prodotto che mira a prevenire il morso di zanzara e ad alleviarne i sintomi.

L’applicazione di questo prodotto repellente su tutte le parti del corpo scoperte respinge le zanzare e permette la protezione dalle loro punture; se invece questo piccolo insetto vi ha già punti, la crema spray antizanzare risulta efficace nell’attenuare i sintomi della puntura: questo prodotto biologico contiene infatti l’olio di andiroba, un repellente naturale contro gli insetti nocivi (zanzare, mosche, ecc.) dalle eccezionali proprietà restitutive, idratanti e lenitive, l’olio essenziale di citronella, l’estratto di geranio (insettifugo, cicatrizzante e antinfiammatorio) e l’olio di mandorle dolci, dall’azione emolliente e attenuante il prurito.

E tu, cosa aspetti? Questa estate scegli la naturale protezione!

Pubblicato il

Abbronzatura e protezione solare

Che cos’è l’abbronzatura?

L’abbronzatura è un processo naturale messo in atto dal nostro organismo per proteggere le cellule dai danni provocati dai raggi UV.

La melanina, un pigmento naturale prodotto dai melanociti (ovvero le cellule presenti nell’epidermide, in parte responsabili del colore della cute), svolge la funzione di assorbire le radiazioni UV, difendendo così il nucleo delle cellule cutanee.

Differenza tra raggi UVA e raggi UVB

Sentiamo sempre parlare dei raggi UVA e UVB, ma sappiamo differenziarli e difenderci?

Le radiazioni solari UV svolgono nell’organismo alcune azioni benefiche:

  • azione battericida;

  • sintesi della vitamina D;

  • metabolismo del calcio;

  • azione terapeutica e di riparazione;

  • influenza positiva sull’umore.

A livello cutaneo però, le radiazioni solari possono provocare anche alcuni effetti nocivi, quali eritemi, invecchiamento cutaneo, fotosensibilità, macchie e, per azione dei radicali liberi, lesioni cutanee e del DNA, come i tumori della pelle.

I raggi UVA sono più lunghi e meno potenti, provocano una pigmentazione breve e temporanea, non sufficientemente protettiva per la pelle; questi raggi penetrano fino al derma e sono i veri responsabili dell’invecchiamento cutaneo, alterando le strutture di collagene ed elastina, e favorendo l’insorgere di macchie cutanee, disidratazione e rughe.

I raggi UVB, considerati i veri produttori dell’abbronzatura a lunga durata, sono più corti e potenti, ma meno penetranti (infatti non oltrepassano l’epidermide); se non vengono adottate misure adeguate di precauzione e prevenzione, questi raggi sono anche responsabili di bruciature ed eritemi.

Per ottenere un’abbronzatura protettiva durevole è necessario pertanto l’intervento dei raggi UVB, ma bisogna essere consapevoli che i primi giorni d’esposizione sono i più delicati, in quanto la pelle non ha ancora attivato la sua naturale protezione; man mano che il colorito comincerà a essere visibile, la pelle risulterà invece più protetta.

Come proteggerci?

  • Esposizioni graduali, iniziando con pochi minuti per poi incrementare gradualmente il tempo di esposizione.

  • Utilizzare per i primi giorni fattori di protezione elevati, diminuendoli gradualmente: l’abbronzatura sarà comunque garantita e verranno evitati gli effetti nocivi.

  • Ricordare che anche in caso di nuvolosità i raggi solari possono essere ugualmente pericolosi.

  • Applicare la crema su tutto il corpo (anche sotto il costume) almeno 20 minuti prima dell’esposizione, ripetendo l’operazione ogni 2 ore e dopo ogni bagno.

  • Non esporsi al sole tra le ore 11:00 e le ore 15:00: a causa del buco dell’ozono, il rischio di eritemi, bruciature e tumori alla pelle aumenta nelle ore più calde.

  • Proteggere sempre i bambini con fattori alti, considerando i precedenti consigli.

  • Camminare al sole, rispetto al restare fermi, limita il rischio di scottature, in quanto le radiazioni si distribuiscono meglio sul corpo.

  • Evitare profumi o deodoranti a base di alcool, i quali possono macchiare la pelle.

Perché i solari Midas contengono filtri chimici?

Come precedentemente riportato, i raggi UVA e UVB possono causare danni importanti al nostro organismo.

I filtri solari fisici (“naturali”) sono sostanze che agiscono fisicamente riflettendo le radiazioni, ma non riescono a proteggerci in maniera adeguata dai raggi solari, con conseguente rischio di scottature, eritemi ed altre problematiche cutanee.

I filtri chimici, invece, ricalcano il meccanismo della melanina, e quindi assorbono l’energia elettromagnetica (raggi UV) e la restituiscono sotto forma di altra energia; in questo modo sono in grado di proteggerci dalle radiazioni ultraviolette in maniera efficace.
Anche i filtri solari sono regolati dal Nuovo Regolamento sui prodotti cosmetici: le sostanze attualmente ammesse sono 28, di cui 27 di tipo chimico; l’unico filtro fisico è il
biossido di titanio, con una concentrazione massima autorizzata pari al 25%.

Pubblicato il

La cura delle mani

“ Se sei un amico ti stringo la mano
se chiedi un aiuto ti tendo la mano
E prendi la mano, e dammi la mano
e prendi la mano, e dammi la mano
Il padre il bambino lo tiene per mano
c’è tutto il destino in un palmo di mano
Le mani, le mani che sanno parlare, che sanno guarire e che sanno pregare
Le mani legate, le mani ferite, le mani, le mani pulite
Le mani, le mani,le mani legate, le mani ferite, le mani pulite
Le mani, le mani,le mani legate, le mani ferite, le mani puliteSaluti ruffiani baciamo le mani
caliamo i calzoni e in alto le mani
Chi prende il potere allunga le mani
chi sfugge al dovere se ne lava le mani
Le mani, le mani, che sanno tradire, che sanno soffrire e che sanno sbranare
Le mani spietate che danno la fine, le mani, le mani assassine
Le mani, le mani, le mani spietate che danno la fine, le mani assassine
Le mani, le mani, le mani legate le mani ferite, le mani pulite

Apriamo le mani, le mani più avare
che stringono ancora quei 30 denari
Mettiamo le mani, le mani sul cuore
più sono sincere e più danno calore
Le mani, le mani, che sanno di mare, che sanno di terra, che sanno di pane
Battiamo le mani per farci sentire, più forte le mani, le mani
Le mani, le mani, che sanno di mare, che sanno di terra, che sanno di pane
Le mani, le mani, che sanno di mare, che sanno di terra, che sanno di pane
Le mani, le mani, le mani spietate che danno la fine, le mani assassine
Le mani, le mani, le mani spietate che danno la fine, le mani assassine
Le mani, le mani, le mani, le mani

Mani, E. De Crescenzo “

 

Questo testo di De Crescenzo ci fa capire come le mani siano indispensabili nella vita di una persona: con le mani ci presentiamo quando conosciamo una persona e salutiamo quando vediamo un amico; con le mani esprimiamo noi stessi cucinando, disegnando, gesticolando, scrivendo; senza le mani non potremmo lavarci, vestirci, pettinarci, truccarci, non potremmo guidare, aprire porte, lavorare, giocare; con le mani esprimiamo affetto verso le persone che ci sono vicine, verso uno sconosciuto o verso chi magari in passato ci ha tradito… Non a caso si dice “tendere la mano”.
Fin da piccoli le mani sono lo strumento attraverso il quale impariamo a conoscere il mondo: i bambini, appena vedono un oggetto che non conoscono, vogliono subito toccarlo.
Per tutta la vita ci accompagnano in ogni attività che facciamo. C’è qualcosa che può essere svolto senza l’uso delle mani?
Anche quando siamo anziani, quando la vista magari non è più quella di un tempo, usiamo le mani per “vedere” ciò che ci circonda, per farci sorreggere quando fatichiamo a camminare da soli.
Le mani sono uno strumento indispensabile nella vita di tutti ed è per questo che è importantissimo prendersene cura quotidianamente.
Molti pensano che curare le mani significhi soltanto mettere la crema idratante prima di andare a dormire.
Certo, idratare le mani per renderle morbide, vellutate ed elastiche è importantissimo, ma non è sufficiente… Dobbiamo prenderci cura delle nostre mani durante tutto il giorno!
Utilizzare detergenti e saponi aggressivi, che non rispettano il naturale Ph della pelle, contribuisce a rendere le mani secche, disidratate e arrossate.
A lungo andare le mani iniziano a seccarsi e, se non adeguatamente curate, iniziano a comparire piccoli tagli e la pelle inizia a screpolarsi.
In molti penseranno che l’unica soluzione sia ridurre il numero di lavaggi giornalieri (“se mi lavo meno le mani si rovineranno meno”). Questo però non è vero: con le mani facciamo tutto ed è quindi fondamentale la loro igiene.
Chi di voi si metterebbe a impastare la pizza appena dopo essersi tolto le scarpe? E chi stringerebbe la mano a un suo collega dopo aver mangiato una focaccia all’olio e rosmarino? L’igiene è fondamentale, e non deve essere trascurata. Così come la salute delle nostre mani. La soluzione migliore, quindi, è utilizzare un detergente non aggressivo che igienizzi e allo stresso tempo rispetti la pelle idratandola.
Midas Eco Bio Cosmesi propone un detergente mani contenente olio essenziale di limone, per detergere e igienizzare, e estratto di aloe, malva e achillea, per lenire e idratare la pelle, senza seccarla.
…Un prodotto di cui non potrete più fare a meno!
“Io non posso stare fermo con le mani nelle mani,
tante cose devo fare prima che venga domani…”

Margherita, R. Cocciante “